Gli albi inclusivi. Il valore della comunicazione alternativa e della diversità.

Workshop con Chiara Lorenzoni, autrice di libri per l’infanzia e co-curatrice del Picturebook Fest.

Martedì 30.05.2017 - h. 9.30 

Università degli Studi della Basilicata - Matera

Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria - Prof. Michela D’Alessio

 

Cosa sono gli albi inclusivi? A chi si rivolgono? Quali competenze e abilità mettono in gioco?

Durante questo incontro, Chiara Lorenzoni  introdurrà albi speciali dedicati ad occhi, orecchie e mani attente, dedicati a qualsiasi lettore, perché la specialità risiede nella cura e attenzione con cui si srotola la narrazione, sia essa visibile, tattile o diversamente codificata.

Si scoprirà come letture “altre” permettano di accogliere differenti punti di vista, riconoscendo che ciò che è altro da sé si coniuga con il concetto di risorsa e non con quello di estraneità.

Attraverso l’analisi approfondita di albi speciali si sperimenterà, inoltre, come le strade che conducono alla scoperta delle proprie abilità possano essere molteplici e differenti. Proprio per questo verranno sfogliati e analizzati albi tattili e albi in comunicazione aumentativa alternativa, scoprendone i codici e i diversi modi di approccio. 

Un focus sarà dedicato anche agli albi senza parole che non sono libri muti ma libri la cui voce passa attraverso strade diverse, prive di steccati e limiti, perché talvolta la parola è insieme libertà e limite.

Da ultimo, ci si addentrerà negli albi liminari, quei libri che sanno raccontare con leggerezza storie “diverse” in senso lato, storie su temi difficili e complessi come la morte o che dipanano questioni filosofiche come la ricerca di sé, perché la complessità fa profondamente parte dell’infanzia e per vederla e riconoscerla è necessario usare altri occhi, altri sguardi, quelli della leggerezza, perché “la leggerezza” come diceva Italo Clavino “non è superficialità ma planare sulle cose dall’alto”. 

 

 

 


 

       

 

 

Credits: ITC Advisor